News

La pagina aziendale di Google Plus: guida all’uso

GooglePlusGoogle+ non è semplicemente uno dei tanti social network che affollano il web: è una piattaforma che il motore di ricerca più diffuso al mondo mette a disposizione degli utenti per consentire di dare risalto alle proprie informazioni e ai propri contenuti, facilitando l’indicizzazione. Per un’azienda avere una pagina diventa significativo anche in ottica SEO in quanto può contribuire alla visibilità che il motore di ricerca attribuisce ai suoi contenuti. Per avere successo sul web la content curation è indispensabile ma non sufficiente perché Google sta potenziando le risorse della Social Search: a dicembre 2013 Google ha lanciato in Italia My Answers, la sua ultima novità in questo campo.
La Social Search è un tipo di ricerca che offre risultati ad hoc per l’utente che digita la query, tenendo conto delle sue attività in rete e delle interazioni sui social network, in particolare su Google Plus, al fine di offrire risultati sempre più soddisfacenti: in quest’ottica per un’azienda avere una rete di contatti ampia su Google Plus significa avere più possibilità di comparire tra i risultati di ricerca dell’utente.

La pagina aziendale di Google Plus si crea facilmente a partire da un profilo Google o da una casella mail aziendale; si seleziona qual è il tipo di attività, si inseriscono le informazioni generiche e di contatto dell’azienda e infine si caricano una foto profilo e una foto di copertina. Un passaggio molto importante per assicurarsi visibilità e autorevolezza tra i risultati di ricerca di Google è collegare la pagina al proprio sito web e viceversa (creando, ad esempio, un badge da inserire nelle pagine del proprio sito).
Con un unico account Google si possono gestire fino a 100 pagine, visibili a colpo d’occhio collegandosi all’indirizzo plus.google.com/dashboard.

screenshot1

La dashboard di ciascuna pagina permette rapidamente di accedere a una seria di funzioni:
condividi: pubblicare un testo, una foto, un video o un evento;
statistiche: aggiornamenti delle visualizzazioni dei post e dei nuovi follower degli ultimi 30 giorni;
Google Analytics: lo strumento per analizzare il traffico;
apri un Hangout: per interagire con gli utenti attraverso la videochiamata.

screenshot2

Una volta aperta la pagina aziendale è necessario essere attivi dando risalto ai contenuti e promuovendo l’interazione con gli utenti: Google Plus è un social network con potenzialità enormi se si pensa alla diffusione di Gmail e al fatto che l’app è installata di default su tutti gli smartphone con sistema operativo Android. Tra i tanti suggerimenti per interagire coi follower è bene tenerne a mente tre di fondamentali:
– controllare le notifiche sui commenti e rispondere sempre;
– scoprire quali sono gli utenti più influenti nella condivisione propri post;
menzionare gli utenti o altri brand con un semplice “+nome”.

Una riflessione conclusiva: le pagine aziendali su Google Plus sono destinate a diventare uno strumento imprescindibile per quelle aziende che vogliono mettere in risalto le proprie informazioni e i propri contenuti su Google, che sarà così in grado di indicizzarle meglio e dar loro la visibilità che il sito aziendale non potrà più ottenere da solo.

Scrivi un commento